Skip to main content
Tempo di lettura: 7 minuti

Ci vuole più dello stipendio e del lavoro a distanza per mantenere le persone felici (uno studio di Steelcase).

Ritorno in ufficio. Lavoro ibrido. La grande rassegnazione. Questi argomenti in prima pagina ora frequentano le sale riunioni e i tavoli da pranzo. La pandemia ha cambiato per sempre il lessico del lavoro. I problemi che le organizzazioni devono affrontare stanno sparando da tutte le direzioni e probabilmente avranno un impatto su chi svanisce e chi prospera.

Essendo un’azienda focalizzata sui luoghi in cui le persone lavorano da oltre un secolo, l’ultimo round di ricerca Steelcase tra gli impiegati globali è sorprendente per molti aspetti e rafforzante in altri. Ad esempio, il doppio delle persone dice che preferirebbe lavorare a casa – spesso trascorrendo ore curvo su tavoli progettati per mangiare o su divani pensati per rilassarsi – piuttosto che lavorare in un ufficio che dovrebbe essere progettato per aiutare le persone a lavorare meglio. Cosa è andato storto lì?

Stiamo anche imparando che la distanza non sta rendendo il cuore più affettuoso. The Atlantic l’ha soprannominata la “recessione della fiducia”. I dati mostrano che più le persone sono lontane l’una dall’altra, meno si fidano l’una dell’altra, vero per i leader, i dipendenti e i colleghi. Senza fiducia, innovazione, produttività e fidelizzazione sono tutti un rischio. I leader sanno che devono riunire le persone: secondo la recente ricerca Steelcase, l’87% delle persone dovrebbe trascorrere almeno un po’ di tempo in ufficio.

posto di lavoro

Aggiungi a tutto questo una crisi di talenti per i libri dei record. Forbes riferisce che i leader stanno facendo tutto il possibile per mantenere le persone e attrarre nuovi talenti, aumentando i salari, aggiungendo vantaggi e offrendo bonus di fidelizzazione oltre ad aumentare la flessibilità. Ma la nuova ricerca Steelcase suggerisce che stanno trascurando qualcosa che conta ancora di più.

Nell’autunno 2021, i ricercatori di Steelcase WorkSpace Futures hanno analizzato le risposte di quasi 5.000 impiegati in 11 paesi. I dati hanno rivelato cinque errori chiave che i leader potrebbero commettere sulla connessione tra il posto di lavoro e ciò che le persone vogliono effettivamente.

5 errori sul posto di lavoro ibrido da evitare

Errore n. 1: trattare il talento come transazionale

L’Harvard Business Review riporta : “È fondamentale che i leader aziendali lavorino per ricostruire e mantenere relazioni di fiducia, con e tra i propri dipendenti. Quelli che non rischiano… maggiore logoramento, minore produttività e innovazione bloccata”. Le persone vogliono sentirsi appartenenti, sentirsi apprezzate e avere un senso di equilibrio tra lavoro e vita privata.

Sorprendentemente, in un recente studio McKinsey , la capacità di lavorare da remoto o un compenso inadeguato sono considerati meno importanti . Questo non vuol dire che le persone non vogliano flessibilità o fare più soldi. Ma concentrare lo sforzo per attrarre e trattenere i talenti sulle politiche retributive e di lavoro a distanza crea una relazione transazionale. I leader non si rendono conto di quanto sia importante il posto di lavoro.

Quando i ricercatori Steelcase hanno confrontato fattori come reddito, pendolarismo, possesso e permesso di lavoro ibrido, sono rimasti sorpresi di trovare:

Il fattore più importante per il coinvolgimento dei dipendenti, la produttività e il sentirsi connessi alla cultura è se alle persone piace lavorare dal proprio ufficio.

Quando si tratta di fidelizzazione dei talenti, solo il ruolo è più alto che se alle persone piace lavorare dall’ufficio.

Le persone a cui piace lavorare dal proprio ufficio sono:

33%più impegnato30%più legato alla cultura9%più produttivo20%meno probabilità di partire

Conclusione: se alle persone piace o meno il loro ufficio è importante, e in modi che molti leader non se ne rendono conto. Le persone a cui piace lavorare dal proprio ufficio sono significativamente più coinvolte e connesse alla cultura della propria azienda, meno propense ad andarsene e moderatamente più produttive.


Per esplorare di più e vedere i risultati di tutti gli 11 paesi studiati.

Errore n. 2: cambiare politica, non luogo

Adottando modelli di lavoro ibridi e passando a spazi più non assegnati, le organizzazioni stanno creando un nuovo gruppo di nomadi sul posto di lavoro. Persone senza una vera casa in ufficio. Sebbene possa risparmiare sui costi immobiliari, i leader devono anche affrontare la solitudine e l’isolamento che le persone hanno provato negli ultimi due anni. Il lavoro ibrido richiede nuove modalità di lavoro e le aspettative dei dipendenti sono cambiate: il vecchio ufficio non è in grado di rispondere a queste nuove esigenze.

Perché alle persone potrebbe piacere di più lavorare da casa

A casa70%

avere un ufficio privato o una zona di lavoro dedicata
Nell’ufficio51%

lavorare in open space

Non sorprende che quando le persone lavorano in ufficio è più probabile che si siedano all’aperto, dove i colleghi potrebbero distrarre anche più dei bambini o del cane. Inoltre, non sorprende, sulla base dei paradigmi di layout degli uffici esistenti, che più contributori individuali (57%) che leader (37%) siedono all’aperto. Questa differenza nel livello di controllo che le persone hanno sulla propria privacy a casa rispetto all’ufficio può contribuire al motivo per cui alcune persone preferiscono il tavolo da pranzo.

Eppure, in questo momento, le persone di tutte le organizzazioni riferiscono di aver perso gli spazi assegnati.

In tutte le organizzazioni-10%Nelle grandi organizzazioni*-15%

*10.000+ dipendenti

Conclusione: il posto di lavoro deve cambiare per adattarsi a nuovi comportamenti e modelli di lavoro e fare un lavoro migliore attirando le persone e creando una cultura coinvolgente. Offrire alle persone una destinazione, come un quartiere di squadra, può dare loro un senso di appartenenza, un luogo confortevole e familiare dove trovare i propri compagni di squadra e sentirsi a casa. Avere la possibilità di prenotare uno spazio di lavoro può aiutare le persone a sapere cosa aspettarsi quando arrivano in ufficio se gli spazi non sono assegnati. A seconda degli obiettivi di un’organizzazione, capire cosa attira le persone in ufficio può consentire ai leader di allineare le politiche di lavoro ibride con la strategia immobiliare. Ad esempio, invece di assegnare uffici o spazi di lavoro in base alla gerarchia, assegnali in base alla frequenza con cui le persone si trovano in ufficio.

Errore n. 3: mancare il punto: le persone vogliono controllo + appartenenza

I leader si concentrano sulla creazione di politiche più flessibili, ma i modelli ibridi da soli non affrontano altri fattori importanti come il desiderio di controllo, il senso di appartenenza e il bisogno di privacy. È stato sorprendente vedere con quanta forza molte persone si sentono di avere un certo livello di proprietà sul proprio spazio di lavoro.

È più probabile che le persone scelgano uno spazio di lavoro assegnato rispetto a un lavoro più remoto.

5 errori sul posto di lavoro ibrido da evitare image 1

Degli 11 paesi esaminati, solo Australia, Canada e Regno Unito sono in contrasto con questa tendenza e preferirebbero una maggiore flessibilità rispetto a uno spazio di lavoro assegnato. C’è chiaramente una tensione tra le persone che affermano di voler lavorare da casa e vogliono anche uno spazio assegnato all’interno dell’ufficio ed è un indicatore di quanto sia importante avere una sensazione di controllo sulla propria esperienza lavorativa.

Conclusione: molti leader stanno passando a modelli di lavoro ibridi con buone intenzioni, per dare alle persone maggiore autonomia e controllo sulla propria vita lavorativa. Ma le politiche ibride da sole non affronteranno il controllo e il senso di appartenenza che le persone cercano. Vogliono una destinazione e un posto da chiamare casa al lavoro.

Errore n. 4: dimenticare la messa a fuoco

Le nuove abitudini di lavoro ibride significano che le persone trascorrono più tempo sui video, da sole e con i compagni di squadra. In effetti, la gente dice che la collaborazione ibrida è correlata alle due principali esigenze dell’ufficio ora più importanti della pre-pandemia. Ma la collaborazione non è l’unica necessità in ufficio. Quindi, mentre alcuni stanno prendendo in considerazione un posto di lavoro “solo per la collaborazione”, se i leader intendono invogliare le persone a tornare in ufficio, le persone hanno anche bisogno di accedere a spazi privati. Senza opzioni per la privacy, il posto di lavoro non affronterà il modo in cui il lavoro viene realmente svolto. È improbabile che le persone che si recano in ufficio collaborino tutto il giorno. Tre dei primi quattro elementi che le persone apprezzano di più ora riguardano l’accesso agli spazi privati.

Ciò che le persone apprezzano di più in ufficio ora

64% – Spazi di collaborazione ibridi

62% – Enclavi con una sola persona per riunioni ibride

61% – Privacy

58% – Spazi di lavoro con chiusura totale o parziale

57% – Spazi di lavoro prenotabili

52% – Mobili flessibili

52% – Spazi informali per connettersi con i colleghi

49% – Grande numero di spazi collaborativi

47% – Mobili per ufficio sostenibili.

Conclusione: è tempo di ridefinire la “proprietà” e offrire alle persone opzioni per la privacy indipendentemente dal fatto che abbiano un ufficio privato o meno. Per molti versi la nostra definizione di “proprietà” sta già cambiando. Ci sentiamo a nostro agio a “possedere” la casa di qualcun altro quando utilizziamo Airbnb, ad esempio. Dare alle persone più opzioni per la privacy dell’ufficio che bramano può significare molte cose: uffici privati, spazi di lavoro con recinzioni che forniscono privacy visiva o enclavi o spazi di lavoro prenotabili.

Errore #5: Il pregiudizio del capo

Ricerche precedenti hanno rilevato che i leader hanno spazi migliori quando lavorano da casa e questo ultimo round di ricerca ha rilevato che anche i leader che sono tornati in ufficio hanno esperienze migliori. Sebbene il loro ruolo possa richiedere un diverso tipo di spazio, è importante che i leader non lascino che la propria esperienza positiva offuschi la loro empatia per la realtà di ciò che molti impiegati d’ufficio sperimentano.

A chi piace di più lavorare dal proprio ufficio?

5 errori sul posto di lavoro ibrido da evitare image 2

Non sorprende che i leader preferiscano l’ufficio dato il loro accesso alla privacy. Nonostante i leader dedichino meno tempo al lavoro concentrato (31%) rispetto ai loro dipendenti (51%), è molto più probabile che abbiano un ufficio privato.

Chi ha più probabilità di avere un ufficio privato?

5 errori sul posto di lavoro ibrido da evitare image 3

Conclusione: i dipendenti hanno una voce più forte che mai. I leader devono considerare come vengono soddisfatte le esigenze dei dipendenti, soprattutto per coloro che tornano in ufficio dopo un lungo periodo di assenza, e riconoscere che le esperienze dei leader probabilmente non corrispondono alla maggior parte dei loro dipendenti. I leader dovrebbero prendere in considerazione le modifiche al posto di lavoro per supportare un gruppo più ampio di dipendenti.

Close Menu

About Salient

The Castle
Unit 345
2500 Castle Dr
Manhattan, NY

T: +216 (0)40 3629 4753
E: hello@themenectar.com